La Versione di Valeria

1 Luglio 2007 1 commento


Sono un tipo impulsivo,
preferisco gli errori ai rimpianti.

Barney Panofsky

Romantica senza meta

5 Febbraio 2007 1 commento


In tutto questo tempo ho camminato.
Lungo sentieri incontaminati, attraverso paesaggi che non avevo mai visto, ma ho anche ripercorso strade che ben conoscevo, tornando indietro sui miei passi per poi riprendere un nuovo cammino.
Ho passeggiato e riflettuto.
Ho visto un mondo nuovo e rivissuto ancora una volta il mio passato.
Ma non ho trovato la mia meta.

Cammino un altro po?.

Tra le pagine di un libro

14 Giugno 2006 3 commenti


Non sempre si deve soffrire per i ricordi: bisogna riposarsi e passeggiare negli intermezzi.

[L'eterno marito -Fëdor Dostoevskij]

Panta rei

5 Giugno 2006 3 commenti


Dedicata ad un’amica… e a me stessa

Diceva Eraclito, più di duemila anni fa, che non ci si bagna mai due volte nella stessa acqua di un fiume. Dicevano i Greci sempre più di duemila anni fa che l? “adunaton”, l?impossibile per eccellenza, è che ciò che è avvenuto possa non essere avvenuto. Ogni nostro istante non è mai uguale all?altro e noi non siamo mai gli stessi da un istante all?altro, da un tempo all?altro. Tutto cambia dentro e fuori di noi anche se non sempre riusciamo a percepire questo continuo cambiamento. La cosa più appariscente di noi, il nostro corpo, da un istante all?altro è sempre diverso e noi viviamo in questa continua diversità e di questa continua diversità. In noi nasce e muore qualcosa in ogni momento della nostra esistenza ed in ogni momento noi non siamo più quello che eravamo un momento prima, il nostro corpo è cambiato, la nostra mente è cambiata, il nostro pensiero è un altro pensiero che lo si voglia o no.

…basta con l’abominevole rancore

22 Maggio 2006 2 commenti


Poiché l’alba si accende, ed ecco l’aurora,
poiché, dopo avermi a lungo fuggito, la speranza consente
a ritornare a me che la chiamo e l’imploro,
poiché questa felicità consente ad esser mia,

facciamola finita coi pensieri funesti,
basta con i cattivi sogni, ah! soprattutto
basta con l’ironia e le labbra strette
e parole in cui uno spirito senz’anima trionfava.

E basta con quei pugni serrati e la collera
per i malvagi e gli sciocchi che s’incontrano;
basta con l’abominevole rancore! basta
con l’oblìo ricercato in esecrate bevande!

Perché io voglio, ora che un Essere di luce
nella mia notte fonda ha portato il chiarore
di un amore immortale che è anche il primo
per la grazia, il sorriso e la bontà,

io voglio, da voi guidato, begli occhi dalle dolci fiamme,
da voi condotto, o mano nella quale tremerà la mia,
camminare diritto, sia per sentieri di muschio
sia che ciottoli e pietre ingombrino il cammino;

sì, voglio incedere dritto e calmo nella Vita
verso la meta a cui mi spingerà il destino,
senza violenza, né rimorsi, né invidia:
sarà questo il felice dovere in gaie lotte.

E poiché, per cullare le lentezze della via,
canterò arie ingenue, io mi dico
che lei certo mi ascolterà senza fastidio;
e non chiedo, davvero, altro Paradiso.

[Paul Verlaine]

…e lasciar che l’acqua scorra

20 Maggio 2006 2 commenti


Oggi una di quei pomeriggi piatti grigi solitari,in cui solo un po’ di sana e bella musica può farti piacevolmente compagnia.
Uno di quei pomeriggi in cui faccio la colonna sonora della mia vita.
E tra le 16 canzoni scelte, Agua, una vecchia canzone di Jarabe de Palo. Bella.

Cómo quieres ser mi amiga
Si por ti daría la vida,
Si confundo tu sonrisa
Por camelo si me miras.
Razón y piel, difícil mezla,
Agua y sed, serio problema.
Cómo quieres ser mi amiga
Si por ti me perdería
Si confundo tus caricias
Por camelo si me mimas.

Pasión y ley, difícil mezcla,
Agua y sed, serio problema
Cuando uno tiene sed
Pero el agua no está cerca,
Cuando uno quiere beber
Pero el agua no está cerca.

Qué hacer, tú lo sabes,
Conservar la distancia,
Renunciar a lo natural,
Y dejar que el agua corra.
Cómo quieres ser mi amiga
Cuando esta carta recibas,
Un mensaje hay entre líneas,
Cómo quieres ser mi amiga

Sguardi indiscreti oltre la mia finestra

17 Maggio 2006 7 commenti


Dapprima indifferenti si scrutano da lontano, poi si avvicinano si guardano e di nuovo leggermente si allontanano.
Lei agita le ali, si becca la coda, si sistema le penne.
Lui dall’alto la guarda con un aria trionfante col petto in fuori.
Così per qualche minuto. E’ iniziato il corteggiamento.
Poi lui si avvicina, lei anche… i becchi si toccano, si guardano, si beccano reciprocamente (a me piace pensare che siano baci) e poi…
un unico battito d’ali, un movimento sincrono sul tetto.
Dura qualche secondo. E’ il loro atto d’amore.

Mi fanno compagnia, in questi giorni di studio, le colombe sul tetto di fronte la mia finestra.
Corteggiamenti, sguardi, beccate..attimi d’amore, rubati forse da uno sguardo indiscreto. Il mio.

Una BUONA NOTTE silenziosa

15 Maggio 2006 3 commenti


Ieri avevo voglia di gridare, oggi solo voglia di star zitta.
Silenzio

Un po’ come Jenny.
Lei è stanca, lei vuole dormire.

E così io.
Palpebre pesanti, dita irrigidite, pensieri faticosi.
Ho studiato troppo.
L’esame si avvicina

Ho pensato troppo
La fine c’è già stata.

Silent

Buona notte

Sfogo serale

13 Maggio 2006 4 commenti

Io scrivo per me
E oggi ho solo voglia di……..

GRIDARE

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

Chi mi ha fatto le carte mi ha chiamato vincente …. ma lo zingaro è un trucco

11 Maggio 2006 5 commenti


Spunto musicale
Spunto di riflessione

Rimmel

Ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo
e la mia faccia sovrapporla
a quella di chissà chi altro.
I tuoi quattro assi, bada bene, di un colore solo,
li puoi nascondere o giocare come vuoi
o farli rimanere buoni amici come noi.